LA CASA DI CLARA

(Nuova produzione 2023)

(SPECIALE GIORNATA DELLA MEMORIA)

SCRITTO E DIRETTO: Alberto Genovese  – Andrea Di Cianni

“Tutto ciò che è necessario per il trionfo del male, è che gli uomini buoni non facciano niente”

(Edmund Burke-politico, filosofo e scrittore britannico)

1943: I Tedeschi sono entrati in Italia e tra poco comincerà la caccia agli ebrei come è già avvenuto nel resto dell’Europa. Bisogna scappare.

In città, all’interno di una casa come tante, si sviluppa una cronaca famigliare, che  tingendosi di giallo con un finale a sorpresa, ci spinge verso una corsa contro il tempo lasciandoci  col fiato sospeso.

Siamo nell’appartamento dell’ostetrica Clara, che vive insieme ai due figli nella vana attesa che il marito faccia ritorno dalla campagna di guerra in Grecia. Ma la quiete domestica viene messa a soqquadro dall’arrivo in casa di una perfetta estranea al termine di una gravidanza, accompagnata dall’intera famiglia. Dopo aver assistito al parto della donna, Clara scopre che i suoi ospiti inattesi sono ebrei. Da quel momento in poi, la vita di Clara e di tutta la sua famiglia cambia radicalmente. Cosa fare? Allontanare questa gente e ristabilire la serenità? Oppure aiutarli, con ogni rischio che ne consegue, cercando di proteggere contemporaneamente i due nuclei familiari? Per quanto complessa possa essere una tale decisione, a Clara basta poco per decidere.
Il tema trattato è di grande delicatezza: la persecuzione degli ebrei in Italia. Come è noto, in seguito all’emanazione delle leggi razziali, nel 1938, tutti gli appartenenti alla discendenza ebraica vennero condannati alla deportazione nei campi di concentramento, e chiunque desse loro rifugio rischiava la fucilazione. Un noir a tinte civili che scivola lungo il filo delle emozioni, donandoci un piccolo affresco di un momento della nostra Storia, che ci ricorda cosa significa vivere con la guerra in casa. Per ricordarci che “della guerra bisogna aver paura… prima!”